umorismo libri biblioteche librerie barzellette comicità risoterapia comicoterapia tradizione lingua veneta
Editrice Scantabauchi
edizioni scantabauchi

LE RIFLESSIONI DE WALTER BASSO ... [ indice ]


Riflessioni del 28/04/2011

EL LAVORO E I VENETI
VISTO DEL BASSO

Oncò parlemo de na teribile malatia che da senpre fa parte del dieneà dei veneti doc. Na malatia genetica che se trasmete da senpre da pare in fiolo, incurabile, e che la porta sintomi che pemete a tuti st’altri abitanti del’Italia de riconóssare un veneto doc da sinquanta metri de distansa. Bisogna subito dire che sta malatia la ze contagiosa anca se, a onor del vèro, na serta parte dei italioti ze perfetamente imunizà e anca se putacaso dovesse catarse in mèzo a un gran numero de individui veneti infeti no i vien assolutamente contagià. La malatia de cui so drio parlare se ciama SINDROME DA ECCEDENZA LAVORATIVA (“voja de lavorare” in veneto) e gnancora nessun ze stà bon de catare na medesina che meta chieti sti passienti che no riesse a stare co le man in man. La se manifesta in tuta la so virulensa verso i venti ani (parlo in generale parché qualche giovane virgulto pelandron ghe ze anca qua) e colpisse co sintomi riconossibili subito: l’omo tipico lavora oto diese ore al dì, po’ core casa e, se lo ga, sapa l’orto, senò va fare qualche un secondo lavoro e come obi, par rilassarse, se fabrica i mobili, pitura la casa, o va jutare qualche amigo che ga calcossa da fare. Se sucede na catastrofe e intervien la Protession Civile no ze questa che lo juta ma ze lu che juta la protession e ghe insegna come la ga da fare. Odia fieramente le ferie e se la mojere un sabo lo convinse a andare al’Ichea stè sicuri che fin chel ze in colona drio ala strada el se monta i mobili. Se invesse l’esenplare colpìo ze na fémena questa oltre ala giornata lavorativa co riva casa fà el desìo: cusina, lava, stira, ruma, sneta, frugna, russa, furbisse fin mesanote e po’ crola co i oci fora dala testa. Purtropo el mas-cio veneto doc vien colpìo anca da n’altra rogna: EL MAL DEA PIERA (“sindrome del mattone”, in italian). De solito la malatia se manifesta co la voja de fare la cucia del can, po’ na baraca, e na taverna sóto casa, ancora na caseta par el fiolo, e se el comune no bloca el malà questo continuaria a far sù condomini e palassi tipo Milano 2. Sensa bisogno de idraulici, eletricisti, pavimentisti e murari. Tuto da solo o coi amissi. Pensare che qualche ano fa i sindacati voleva far fare la setimana lavorativa de trentadò ore!!! Ma digo, TRENTADO’ ore de lavoro ala setimana???... in Veneto???... Ma co ze marti de sera le gavemo za finìe… e dopo cossa fasemo fin domenega drio?

EL PIGIAMA MASCHILE - Usi e costumi veneti
IL PIGIAMA MASCHILE NELA CANPAGNA AI TENPI CHE FU

Nela ridente, salubre e fiorente (tuti agetivi insulsi che no vol dire un bel gnente!) canpagna veneta el pigiama maschile ze senpre stà considerà un capo inutile, na frivolessa solo par nobili e siorati. Par questo i rudi agricoli ai tenpo de Marco Caco e Maria Tegola ze senpre andai in leto i più siori in barbalache e più peociosi in canotiera a coste larghe e mudande de lana d’inverno e nudi e nadi co i zebedei al vento d’ista... L’indumento in question vegneva conprà dale casalinghe agricole solo in caso de ricòvaro ospedaliero, solamente parché védare in corsia un sopon in sòcoli, capeo de paja, braghe de frustagno e camisona de flanea no pareva bon. Un sopon invesse in in sócoli, capeo de paja, ma co un pigiama a righe (gavìo mai notà che i pigiami dei agricoli ze SENPRE a righe par longo?) faseva bel védare.... Ma partimo dal’inissio del’odissea del nostro eroe in ospedale: l’agricolo co vegneva ricoverà el passava i primi do tre dì tuto spasemà e terorisà in quanto no’l gera assolutamente abituà a convìvare co i so simili e in più el catarse in tuto quel neto, sensa le vache da monsare sensa el loame da caricare sula cariola par portarlo sul luamaro, lo deprimeva fortemente. A pegiorare la situassion contribuiva la terificante mancansa del vin che vegneva sostituio da imonda aqua… Ma pena che la mojere de scondon ghe portava un fiasco de grinto e un pigiama novo de balin la situassion canbiava e l’agricoltore direto pian pianeto se anbientava (poco sù poco zo come sucede coi cani selvàdeghi co te li moli nele aposite pension) e se sentiva un siorato. Ze par questo che na volta i ricoveri ospedalieri gera considerà le vacanse dei peociosi. Cussì el rude ceselatore dela crosta terestre, se la malatia no gera grave, girava de baucon de qua e de là col so bel pigiama, stacadente in boca e co l’aria de uno che sa. Se chietava de boto pena chel incontrava la suora tetona e mostaciona (in ogni ospedale na volta ghe jera na suora tipo lionfante co barba e mostaci) che ghe sigava drio e lo mandava nela so càmara. Na volta me ricordo che in càmara co mi ghe gera uno cussì magro ma cussì magro chel pigiama a righe chel gaveva intorno gaveva na riga sola… e n’altro che ogni dì dimagriva senpre de più e lu, sto mona, se la ciapava col pigiama che, dal so punto de vista, ogni giorno se slargava… Quando ala fine del ricovero el boaro tornava casa guarìo sgiaventava el capo intimo inte na cassea e là questo giaceva in mèso ale balete de naftalina par ani o forsanco secoli. Quindi podemo afermare che el pigiama gera l’unico indumento solo in version “Meti” sensa el famigerato “Cava”, che vorià dire Cava & Meti overo uno intorno e uno de ricanbio... Anca Dolse & Gabbana ze do che cava e mete ma questo ze tutaltro discorso che afrontarò uno dei prossimi mesi. Siore e siori bongiorno!

OSPITI TELEVISIVI - Che spussa...
Sto mese vojo parlare de un insieme de pelandroni acuti che profession fà i cosideti “ospiti che sa” nei programi che sfruta i pèso omicidi che sucede in Italia nea maniera più ossena e vergognosa che se possa imaginare. Zente che contradise in pien el noto proverbio che dise: “L’ospite ze cofà el pesse: dopo tre giorni el spussa maledetamente” (el “maledetamente” ghe lo gò zontà mi parché me piase esagerare). Infati se fusse vero i studi televisivi gavarìa da spussare più del loamaro de Toni Sepa che infeta mèso paese de Bassia Spisani da solo. Serti ospiti, de presunta inteligensa che sfiora el miracoloso, penso che ormai fassa parte del’aredamento televisivo e credo che i se gabia fuso el culo co la poltrona e da là no i se sposta mai in eterno. Ve ne nomino un paro dele do categorie che me stà sule bale più de tute. Par la categoria dei criminologi: el primo ze Orso Bruno, afeto dal mal dela nona (infati ogni tanto ciapa sòno in direta e ronchisa cofà un musso tisico) e che ga na potente scavejara e na barbassa tipo scoato del cesso che mete paura solo vardarlo. St’altro invesse se ciama Picossi, ga i caveji più curti ma anca lue el muso onbregià dala barba. Questi ze presenti eternamente sul programa par appassionai de macelerie Quarto Grado, sul programa par casalinghe Porta la Sporta de Bruno Brespa, queo dei prastici, su La Vita in direta e casualmente, pena che i ga un buso lìbaro, i passa in pressa cofà cani da lièvori e come se gnente fusse, anca in altre trasmission tipo Matriss… Forse i lo par na forma esasperà de “par conicio”. I do alternativamente spara monade a marteleto e no i ze mai d’acordo su gnente. Se uno dise bianco, st’altro dise nero, se uno dise che el sassin ze un tosato, st’altro aferma solenemente che el ze un vecioto, Uno dise chel ze un serial chiler e st’altro chel ze un mona qualsiasi. E par portare vanti sti rajonamenti i pàpara mèza ora, i fà dei rajonamenti che pare fati col culo da un ospite del’ex manicomio de Brusegana, e ti che te scolti non te capissi un’òstrega e te li mandi a farla sule suche a Ciosa!... Altra categoria, altri ronpibale: i pissichiatri. E chi no conosse Paolino Crepè e Lele Moreli? Altre do bone teste: el primo te lo cati sempre da Brespa, stravacà sula poltrona, co l’espression de uno che ga penà pestà un petoloto de can randagio che dise robe de cussì elevato contenuto che se te ciapi me nevodo Matia de sete ani e te ghe fè le stesse dimande te risponde conpagno gualivo. Forse anca mejo. El secondo invesse va a Matriss, ga i ocialeti sula ponta dela scanopia e sicome ze convinto che semo tuti mone el parla pianeto, co calma e dolcessa come se fa de solito coi toseti che no ghe riva, poareti, e ne spiega cossa che pensa el sassin, dove chel va, in quanti ze in casa, quanti ani chel ga. El tuto parlando senpre in pissichiatrese in modo che ti te resti imagà co a boca verta come un insemenio davanti al schermo al plasmon. E intanto sula lengua, che te ghè de picolon, se taca sansare, mussati e mosche. - E alora - poe dire el letore svejo - come mai i sassini no vien quasi mai ciapai se ghe ze tuta sta zente inteligente che sa tuto so de lori? - Alimentare Uotson: parché i criminologi e pissichiatri forsa de andare in television ormai ze rincojonii e parla a vanpera mentre i sassini che no ghe va ze, purtropo, tanto più furbi de lori!


MAILING LISTS - Iscriviti alle mailing lists di Edizioni Scantabauchi:     Oltre le nuvole     Scantabauchi
Inizio pagina