umorismo libri biblioteche librerie barzellette comicità risoterapia comicoterapia tradizione lingua veneta
Editrice Scantabauchi
edizioni scantabauchi

LE RIFLESSIONI DE WALTER BASSO ... [ indice ]


Riflessioni del 26/01/2011

LA PREGHIERA DEL VENETO DOC
LA PREGHIERA DEL VENETO DOC

Caro Dio jùtame,
dame anca oncò el me pan quotidiano, magari pesà giusto e col scontrin fiscale,
fa sbassare i tassi dei intaressi che la banca me ga prestà par farme sù la casa...
anca se na saeta in uficio archivio no sarìa male.
Fa che i sbassa anca el presso dele sigarete e dela bensina
senò qua ciapare un càncaro deventa un lusso.
Càvame da torno almanco l’80% dei nostri ministri e deputati, sti lazaroni,
che da na vita me dissagua le finanse o almanco fa che
i aumenta le ore de riunion cussì fin che i pàpara par gnente
almanco i stà distanti dai nostri portafogli.
Liberarame anca dai vari maleducati, venditori e maghi
che siga e me insulta fin che stago tranquilo a vardare la television.
Cata un lavoro in fabrica a tuti queli che ai semafori coi scoati infangà
me sludra i veri dela màchina e crea dei canpi de concentramento
par tuti i mone e i ronpicojoni che me sassina la giornata.
Fa che possa lavorare tranquilo, magari vérzare na ditarea, sensa che vegna mato
par girare par i ufici statali par assùmare un aprendista.
Màndaghe un infarto micidiale tuti i comercialisti, fa sparire par senpre
INPS, ASL, IVA, ILOR, ICI, 730 e 740 e tuti st’altri Istituti
che da sempre me spaca i ovi.
Abolissi i boli dele màchine e fa in modo che tute, e digo TUTE, le assicurassion
vada a ramengo suo dopo averme dà indrìo tuti i schei che i ne gà ciavà.
Fa entrare prima in cassa integrassion, po’ in disocupassion a zero euro
i dipendenti dele Finanse, Ispetorato del Laoro, Nas.
Provedi anca che tuti i falsi invalidi che ocupa i posti méjo
deventa invalidi veri al 100% e e se cata tuti ocupà a snetare cessi
incalcà de merda umana e canina sui Mota Gril.
Iutane a tirare la pension qualche ano prima de lassarghe le strasse e fa in modo che la stessa co contribuissa a farme morire de fame.
E fa in modo, Signore, co ze la me ora, de farme morire de un colpo,
magari de note, distante da prelievi, inpegnative, prenotassion, rissete, tichete,
sale de rianimassion, preti portapègola che me core drio par onfegarme co l’ojo,
camarete morturie, frigoriferi che mantien “la salma e el sangue fredo”
E in ùltima tieme distante i inpresari funebri che come lugubri avoltoi, speta che tira l’ultimo fià par ciavarme quei quatro schei che,
dopo na vita de porchi e lavoro, gò messo in parte par i fioli...
Signore, te prego, sò tra le to man... me racomando... grassie. AMEN

Linea “Vanti senpre” Ed.Scantabauchi srl www.edizioniscantabauchi.it

MUSINE, BANCHE & STRAMASSI
Come ze canbià i tenpi!: na volta co gero bocia mi schei ghe ne girava pochissimi (e no solo casa mia) e quindi gera na sodisfassion granda sempre ogni tanto incalcare qualche francheto drento na musina de solito fata a forma de lujo (questo gera dovuo al fato che el bestio peloso rapresentava la “richessa mobile” de nialtri agricoli). “Richessa” parché dopo l’omicidio del spussolente quadrupede questo vegneva divorà pian pianelo sensa butare via gnente a partire dal sgrugno, rece pelose e piè. “Mobile” parché el suino deambulava a destra e a manca magnando de tuto: dae patate marse, calseti onti, roinassi, schiti de gaina ecc. ecc. Anca me nono sparagnava e scondeva i schei de carta sóto al stramasso de crine dove l’unico ris-cio de svalutassion gera rapresentà dale moreje che, afamae come lioni feroci, podeva divorare el capitale. Po’ semo diventai tuti siori, gavemo tacà portare i schei in banca e ai boce invesse de regalarghe la musina-porseo ze deventà de moda vèrzarghe potenti conti in banca. A fine ano se andava in banca e se controlava i interessi che fin sirca quìndese ani fa gera, no digo “alti”, che la pararìa na orenda biastema, ma disemo “decenti” e se ghe rideva drio al nono che continuava inperterito a scondare i schei sóto al stramasso. Ze passà el tenpo e pian pianeto le banche ga tacà sbassare sbassare sbassare i interessi tanto che oncó nel 2010 se la te va ben i te dà el 0000,001 par sento lordo tanto che te te vergogni come un ladro solo a domandare el resoconto. Solo el banchiero che disegna un sercio par tera co un bacheto sul sabion pare chel te tira drio i schei.. Mah… In più nele italiche case ze entrà sensa gnanca dimandare parmesso la Crisi, sta onta, e cussì se rancura anca i centesimi e qualchedun par magnare va furegare de note sule scoasse del vissin de casa in serca de scataroni de versa, croste de pan, scorse de patate e ossi da rosegare. In sti periodi i siori finisse el mese e vansa un pochi de schei mentre el popolo finisse i schei e vansa un tocheto de mese. Le poche musine dei putei vien rote de note co potenti martelade dai pari porchesanti che serca de consolarse pensando che in fondo la miseria ga da avere i so lati positivi senò no se spiegarìa come mai in giro che sia cussì tanti pori cani. E in fondo i ga razon. Do vantagi ve li spiego mi: la miseria costa poco mantegnerla e soratuto la alontana la paura dei ladri!... Giuda porseo can!!!

“AUSILIARI DEL TRAFICO”?… ANDE’ A FARVE CIAVARE
“AUSILIARI DEL TRAFICO”?… ANDE’ A FARVE CIAVARE!

“Paga senpre pantalon” ze un vecio modo de dire veneto che funsiona ormai da chissà quanti ani e che no ga tema de smentita. E par farne pagare, in modo che no perdimo sta sana abitudine i nostri governanti ghe ne studia una al dì (quando la va ben): nove tasse, grata e vinsi de tute le specie, concorsi tipo supernaloto, aumenti a rasso dela benzina pena chel petrolio cresse anca solo de un milesimo de dolaro al barile (a proposito: se poe savere na volta par tute quanto marso de petrolio ghe ze drento sto casso de barile che nissun ne lo dise?), sbassamento ponderato de un milesimo de euro quando el presso del gregio se sbassa de metà, e via de longo. Da un pochi de ani, ormai lo sa anca la mussa del strassaro, la più bea scoperta par recuperare schei ze sta quela de farlo grassie ale multe stradali. E qua bisogna dire che i nostri governanti, sindaci in testa, fa fato robe par cui i se meritaria la castrassion… ma no quela chimica, ma quela fata co la forfe da bruscare!: machinete ai semafori col zalo trucà par ciavarne, vigili sconti drio ai salgari co i autovelox, altri vigili sconti drento ai cassoneti e che salta fora de colpo par multare quei che no catando parchejo gnanca vissin ai ospedali parcheja dove no se poe, e dulcis in findus, come se tuto ciò no bastasse i ga assunto, senpre par ciavarne, anca quei che ponposamente se ciama i “ausiliari del trafico” che esatamente vol dire: “Che è di ausilio, d’aiuto nel traffico”… e secondo voialtri ste figure porche ze de qualche aiuto nel trafico a noialtri citadini? … Ve spiego mèjo dove sta l’aiuto: se trata de òmeni civili (se fa par dire!) ignoranti come talpe (sula circolassion stradale) che poe petare multe ala bojona parché autorisai dal sindaco in persona. Tuto qua l’aiuto. Secondo mi na parte de sti vanpiri ga da èssare stà reclutai grassie a un patto selerato: i gera in preson condanai par stupro violento de vecete canute e ghe ze sta proposto de essere grassiai se i gavesse acetà de tanponare analmente el popolo. Penso che serti se gabia rifiutà: “La ze na cativeria massa granda… gavemo anca noialtri na cossiensa!” i ga da avere comentà… Altri ga da èssare sta tirà fora dai manicomi criminali dove i gera ricoverai par gravi reati e delirio de onipotensa… Infati no so se gavì osservà ma in confronto ai vigili urbani (anca qua se fa par dire) che i ze cussì boni che i ga tanto peo sul cuore che i podarìa farse un tabaro, i “ausiliari del trafico” ze ancora più fetenti e sensa cossiensa. Ti te poi criare, rodolarte par tera, cavarte i caveji a sbrancà, ma gnente… i te peta la multa anca se te ghe parchejà nel posto giusto ma el speceto retrovisore ze do milimetri fora dal riga bianca. E te lo dimostra misurandolo col piombo. E se te protesti in comune i te risponde che la ze na giusta manovra fiscale e i to schei te tornarà indrìo soto forma de servissi. Sarìa come dire che un doman el sindaco podarìa farte tajare el pistolino e po’ i lo metesse in frigo par dartelo da magnare più vanti quando che te ghè fame!!! Ze ciaro el conceto???


MAILING LISTS - Iscriviti alle mailing lists di Edizioni Scantabauchi:     Oltre le nuvole     Scantabauchi
Inizio pagina