umorismo libri biblioteche librerie barzellette comicità risoterapia comicoterapia tradizione lingua veneta
Editrice Scantabauchi
edizioni scantabauchi

LE RIFLESSIONI DE WALTER BASSO...


Riflessioni del 05/12/2009

DISOCUPASSION!
VISTO DAL BASSO

Anca a Padova e provincia ormai ghe ze el dissanguamento dei posti de lavoro. El discorso ze serio ma come tuti i discorsi ga un drito e un roverso; come dire se poe védarlo sia da un punto de vista otimistico sia da uno pessimistico. E sicome mi sò otimista ve digo che: primo. Nei ultimi sei mesi ghe ze sta na ridussion drastica dei decessi sul lavoro (lo ga dito el TG 5)… Par forsa: tre quarti del’Italia ze disocupà!!! Chi vuto che se copa! Gavio mai sentio parlare voialtri de incidenti sula disocupassion? Secondo: i disocupai gode de un mucio de tenpo lìbaro da dedicare ala fameja e ai so obi. Terso: se ze vero chel lavoro ze salute ze giusto che Dio ghe ne manda tanto ai malai in ospedale e no a chi ze san e sta ben anca sensa lavorare. Comunque el Governo voe abassare el nùmaro de disocupai e mi voria dare un consilio: par azerare la disocupassion basta doparare ben le parole: quei chi no lavora invesse de ciamarli “disocupai” se poe ciamare “diversamente ocupai” e magari darghe un stipendio fisso (se manca el lavoro ma ghe ze el stipendio nessun se lagna). Cussì la disocupassion andarà a zero. Ma un consilio vojo darlo anca ai lavoratori: no stè sercare ostinatamente el posto fisso: coi tenpi che core contenteve del pasto fisso!!!

INFLUENSA PORSEA
Ghe semo: l’influensa del porseo viaja a sbrenaverta e anca Padova ormai ze colpìa. Dopo i sapienti (?) consili distribuìi nea tivù de stato da Topo Jijo (l’unica pantegana scanpà da 50 ani ala deratisassion) ze tuto un fiorire de stupende idee par sopravìvare: abolire el segno dela pace durante la messa, no pagare co se va fare la spesa par no passare el virus coi schei (i supermercati invesse voria tirare i schei ma no dare el resto), obligare le mojere a stare site par no spuare microbi ovunque, pena che febre riva a 36,9 andare in malatia (questa la ga proposta un statale che ga anca precisà che “prevenire ze mejo che curare!”), girare co la mascherina o col passamontagna (strada fasendo se poe farse aca na bea rapina!)… Ma la notissia più incredile ze che a Padova su sirca diesemie operatori sanitari parfin dosento persone se ga vacinà… Sarìa come dire che inte un ristorante grando senpre i coghi e i camerieri se rifiuta forsenatamente de magnare queo che i cusina e i serve ai clienti… A sto punto me sorge un dubio: semo sicuri che l’influensa del porseo prima de colpire bronchi e palmoni no colpissa, danegiandoli seriamente, i serveli???

PUTANE & FUMADORI
Dopo aver sarà tanti ani fa le “case chiuse” (bea fadiga sarare na casa che ze za sarà) desso a Padova nele cosidete zone calde se voe “sarare” de note anca le strade costringendo le cosidete “luciole”, che produseva sóto ai lampioni, a dover córare a rivèrsare le case chiuse. E pensare che un noto siensiato da poco ga afermà che la presensa dele luciole in cità, nele afose noti estive, ze la prova sicura che l’anbiente ze san parché ste sinpatiche creature vive solo dove ghe ze aria pura. Rifletendo me vien da colegare la decision de sfrato stradale al fato che fumatori da tenpo ze stà sfratai e no poe più infumegare e infumegarse dentro i anbienti publici, ma ga da andare a fumare in strada. Insoma, par la nota lege veneta di equilibri social-economici “un alto e un basso fa un gualivo” finalmente se aplica un ricambio: fora i fumatori e dentro le luciole! Le bronse dele ciche pararà luciole, l’anbiente restarà salubre e vista la luce prodota se podarà anche stuare i lanpioni. Un bel esenpio de risparmio energetico. Interessante quasi come la risposta dela batona che stando al scuro sóto a un lanpion stuà ga dà a uno che domandava cossa la fasesse: “Senplice caro: sò specialisà in economia e comercio!”


MAILING LISTS - Iscriviti alle mailing lists di Edizioni Scantabauchi:     Oltre le nuvole     Scantabauchi
Inizio pagina