umorismo libri biblioteche librerie barzellette comicità risoterapia comicoterapia tradizione lingua veneta
Editrice Scantabauchi
edizioni scantabauchi

LE RIFLESSIONI DE WALTER BASSO...


Riflessioni del 31/03/2008

IL GIORNO PIU' BELLO...
Il giorno più belo della mia vita
Il giorno più bello della mia vita è stato il 7 di febraro 1998. Quel giorno era venuta a trovarmi mia nona overo la mama di mia mama. La sera prima che arivasse mia papà aveva deto: - A ramengo el càncaro nero de to mare! - e mia mama aveva deto che lui era un salvàdego e un ascaro.
Mia nona apena rivata era sbrissata zo dale scale indove io mi ero dimenticato un paro di paline di vero e si era rota il femore in tre tochi, così è arivata l’autobulansa e i infarmieri avevano porchezato par via del peso di mia nona che sfiora il quintale. Apena mia nona è partita per l’ospedale co mia mama mio papà si è messo a cantare la Gigiota e dopo aversi bevuto un paro di onbre di proseco mi a dato € 50,00. Spero che mia nona, quando torna a trovarci, si scavessi anche l’altra ganba cussì mio papà in preda alla gioia mi slonga n’altre 50 cartone. Se poi mia nona dovesse morire, putacaso perché sbrissa sule mie paline e bate la testa, a deto che mi verze un libreto in banca con un milione drento Mia nona a otanta barete. Se è vero che le done vivono fino a otantadò ani fra un paro di ani, con l’aiuto dela fortuna e di Dio, posso conprarmi una bicicleta nova.

PARLA DEI ANIMALI
Li animali sono tutte bestie, ma no solo li animali sono bestie. Per esenpio mio papà dicce sempre che mia nonna Catina è una bestia feroce e che dovarebbe girare con la musarolla e il sguinsallio per protezione civile del popolo. L’uomo discende dalla simia ma le altre bestie non si sa. Le bestie si dividono in famiglie ovvero le “sottobestie”.
Dico quelle che sò: ci sono li ovini che sono le bestie che fanno gli uovi, i bovini che rumegano e anno i corni (come mio zio Artemio che ha sposato mia zia che è vacca), poi ci sono i sullini che sono: il porco, la porca, e i tre porcellini.
Ci sono animali che hanno due gambe parallelle e sono essi detti bipolari, quelli che anno quatro gambe due davanti e due dietro che si dicono quadruppeti.
La gallina è bipolare, il cane è quadrippeto.
La testa si trova sempre sul davanti e il sedere didietro.
Il mio cane però è speciale. Delle volte ha cinque gambe. La quinta è estraibile come l’antena dela macchina e si trova tra le due gambe didietro. Forse ha un tellecomando, struca un botone e la ganba si slonga... Questa gamba però non gli serve per camminare ma per spingere avanti la cagnetta di mio zio Tullio. Infati quando lui esso la vede poza le satte davanti sulla schina dela cagnetta, la ponta co la quinta ganba e li da forti spentoni. La cagneta però no colabora e il mio cane sua come un cavalo da tiro e la spenze par mezaora poi si intavana e va via.
Ci sono cani da cacia, cani da usma, cani da tiro e cani polissioti. No lo so se ci sono anche cani carabinieri. Ci sono anche bestie che sano fare le adissioni e per questo sono deti “animali da somma”... L’unico che conosco, perché me l’ha detto il maestro è il somaro che in veneto si dicce “muzzo”.. Strano che sa fare i conti parché a io quando sbalio le somme mio papà dice che sono un muzzo... Mah...

Li animali si dividono in corti e lunghi: i corti stanno nel cortile i lunghi nel Paradiso Terestre vicino agli alberi di pommi. Essi sono detti “sarpenti” e sono amici intimi del Demonio.
Li animalisti amano le bestie e dicono che Gesù le ha fate perché vivano in pace con noi. Ma sono semi??? Anno loro mai provato a vivere co un porsello in salotto?... Dicono anche che no bisogna mangiarle... E invece non è gnente vero: se Gesù non voleva che mangiassimo la carne faceva le bestie di verdura!!!

FINALMENTE SE VOTA!

Ze rivà l'ora dele elession!!!... Drio le strade, in ogni canton dove ghe sia un metro quadro de spassio de muro, de prastica, de lamiera ghe ze na inponente fioritura de manifesti dove te vedi siorati e siorate vestìi e petenai da messa cantà che te soride tirando le bocasse che se no ghe fusse ai cantoni dele politiche testone le rece, ste bocasse incalcà de denti che slusega, farìa el giro dela testa...
Mai e digo mai che ghe ne sia uno in maneghe de mudande tuto suà, spanto sul divano drio vardare la television o fotografà drio mandare a ramengo uno che core pian par la strada come ghe sucede a tuti i comuni mortali... Machè, senpre tuti in dopiopeto, incravatà e cussì contenti e alegri come se ghe fusse pena morta la suocera!... Par no parlare dele done tute tirae, tapae secondo l'ùltimo sigo dela moda. E ognun de sti can...didati gà el so bravo slogan e ognun ze il più onesto, el più lavoratore, el più sincero, el più mejo "ca ghemo" insoma...
Ma no ze miga tuto qua: qualche partito più originale invesse dele solite faciote da quajì che ride come dei mone ga solo scrito i slogan che serte volte mete la zente in gran dificoltà...
Fasso un esempio: cossa vol dire la scrita che gò visto su uno de sti carteloni: "Arrivi a fine mese?"... la dimanda poe èssare equivoca o retorica... Se la leze uno che ga un tumore la ze equivoca e la assume un significato portasfiga e quindi el porocan dopo aver scalumà atentamente se toca i ovi, recita un scongiuro abinà a quatro porcassi e no vota chel partito gnanca par morte morire... se invesse la leze un disocupà o un operaio metalmecanico (in sto caso la dimanda ze retorica come la risposta) questi, riflete do secondi, po' cava na montagna de porchi granda senpre... e po' par dispeto vota par n'altro partito... Quelo invesse che riva tranquilo a fine mese ze contento, no ga gnente da lagnarse e quindi vota el partito che ga goernà fin desso e manda ramengo quelo del cartelon...
Ma no basta gnancora: ghe ze adirutura manifesti che contien erori de ortografia... pensa ti... ghemo da votare dela zente che ga da risanare l'Italia (pensa che popo' de suche che ghe vorìa!) e questi no ze gnanca boni de scrivare un slogan nela so lengua!!!... a proposito de erori un sior, ga dito in television estremamente contrito che purtropo el popolo (che saressimo nialtri) ze ignorante patoco e che quindi lu parla senplice in modo che nialtri pori mone capimo... Grassie, sior... semo parfin comossi... Solo che sto potensiale deputato ga publicà dosentoesinquantamie (miga sento o dosento!) depliants e bilietini promossionali sui quali doveva canpegiare solo na parola "SCRIVI" e el so nome... solo che purtropo ze stà scrito "SRIVI"... pensè na sola parola... una sola e anca sbalià... e dopo questo ne dà del'ignorante a nialtri????... e voe el me voto???... ma pussa via, inalfabeto, disgrafico e de ignorante acuto!!!... Giuda bestia can... che desso taco rabiarme!!!
Bon, l'altro ieri sò andà in centro parché gavevo un apuntamento in comune e go traversà la piassa proprio nel giorno de marcà... No lo gavesse mai fato!!!... Sò stà ferma na marea de volte, la magior parte dele volte da parfeti sconossiuti che me informava che i candidati che lori rapresentava gera i più mejo... onesti, gran lavoratori e che no speta altro che tacare suare giorno e note proprio par mi e la me fameja. E ste persone par ripagarme del disturbo che le me arecava avendome fermà, gentilmente me ga tute invidà in bar a bevare calcosseta...ansi no calcosseta... proprio TUTO QUELO CHE VOLEVOI!!! E sicome che mi gò un animo delicato e no vorìa mai che qualchedun ghe restasse male me sò inpongà come un oco da grassa... Cussì in un paro de ore me sò ciavà tre cafè, do machiati co late intierio e caldo, do spriss, un gingerino, sinque stramesini e un paro de brioss ala crema pasticera, più na desena de spriss. Naturalmente mi gò garantio a ognuna de ste brave persone che gavarìa sicuramente votà come le me consiliava e quindi gò cortesemente saludà e po' sò tornà casa passuo e lori contenti morti ze rientrà nei so casotini eletorali...
Ma no gò miga gnancora finìo: nei giorni sucessivi, a ogni ora del dì, altri perfeti sconossiuti se ga presentà casa mia par saludarme, scanbiare do ciàcole, informandosse come va el me lavoro, scoltando i me problemi, par po' butare là quasi disinteressatamente pochi secondi prima de partire par el vasto mondo che se mi gavesse dà a lori el me voto la me vita, quela dela me fameja, dela nassion italiana e anca tuta l'Europa sarìa canbià par senpre. Naturalmente in mèjo.
E senpre naturalmente mi a ognun de sti bravi siori dò da la me parola che el me voto sarìa sta tuto e solo par lori...
Dopo ghe ze stà anca queli che no podendo vegnerme saludare a casa de persona me ga scrito... e questo me ga fato un grandissimo piassere parchè serti me ga scrito proprio a man co la pena biro celeste e solo che a mi... Infati sula letera nela prima riga che jera proprio el me nome e cognome "Walter Basso".. la roba me ga anca un fiatenin inbarassà parché mi sò de norma persona de rara e sublime educassion e desso me sento in dovere de risponderghe...
Purtropo, e me vergogno a dirlo, gò poco tenpo cussì go pensà de fare na letara tipo a conpiuter, canbiarghe solo el nome e spedirgherle cussì a tuti...
Lo sò che no dovarìa fare cussì ma proprio no ghe la fasso a rispondarghe a tuti... Speremo che no i se acorza senò chissà quanto male che i stà!!!...
Eco. Desso calcolando che su na maniera o su st'altra me ga contatà sirca otantatrè persone mi dovarìa farne dare, co vago in gabina, almanco otantatrè schede in modo da mantegnere la parola data votando su ogni una un nome difarente... E no me pare che questo sia possibile.
Inoltre se da el caso che mi dal punto de vista politico sia un renitente, un inboscà, un disertore, e inoltre no gabia su sto setore nissun senso del'onore quindi quando andarò drento el famoso sgabiosso co la matita in man el me voto ghe lo darò a chi che me comoda senpre che sia de luna bona senò poe sucedare che intel me segio al momento delo spolio el presidente se cata in man na scheda co scrito sora in bela caligrafia: "Ve sì magnà fora tuto... a sto punto magneve anca questa!" e tra le setantò pieghe del folio salta fora na bela fetona de salado... A bon intenditore poche parole...


MAILING LISTS - Iscriviti alle mailing lists di Edizioni Scantabauchi:     Oltre le nuvole     Scantabauchi
Inizio pagina