umorismo libri biblioteche librerie barzellette comicità risoterapia comicoterapia tradizione lingua veneta
Editrice Scantabauchi
edizioni scantabauchi

LE RIFLESSIONI DE WALTER BASSO...


Riflessioni del 08/08/2006

LE DIMANDE STILE FOCUS 1
Parché i preti-eclesiastici portano le còtole-toneghe?
Dimanda formulatta dal sior Momi Pessato da Ciesanova

Risponde in lengua mista il teologo dela madona Pio Sbuso laureato in Toneghe, Tonegasse & Tonegoni al’Academia del Puercos e Fora a Forajo Spagna

Come tuti sano, e queli che no lo sano che si informino, i preti religiosi onde poder rivare a cantare la cosideta Messa e èssare quindi autorisati a confessare e comunicare devono inparare orassioni, salmi, salmoni, litanie e preghierine che ganno la carateristica di far vegnere un sòno sbregà e inoltre di far pèrdare quota ai cosideti “santissimi” overo sfere umane. De conseguensa vengono colpiti in età giovanile dal cosideto “balone” (vulgo “varicocele”)... Eco parché i preti, che possiamo, sensa temansa di erare, ciamare inpiegati del Sig. Dio, scondono li abnormi baloni soto le capienti toneghe. Nei tenpi moderni i preti usano le comuni braghesse in quanto la ciesa passa loro dei potenti sospensori onde soregere i penduli peri sgionfi.

LE DIMANDE STILE FOCUS 2
Parché il cane mena la coa?
Dimanda posta da Batista l’animalista da Tencarola

Risponde Rino Ceronte veterinario che ha in cura anca Vitorino Sgorbio

La roba ze controversa: infati da un recente studio condoto dal luminario canino Berto Canlesso no si è gnacora capito se ze el can che mena la coa o se ze la coa che mena el can. Comunque par farla curta il quadreppede mena l’apendice parché è contento. Di cosa no si sa!... Anche i sarpenti-bissi menano la coa e dopo ti becano, sti deliquenti sassini. Quindi se poe dire che "La coa sono il soriso del canide" mentre la "coa sarpentina sono na rogna granda senpre!"

El primato veneto de lujo 2006
El pensionato otantene Gilmo Cólsara ze rivà primo assoluto ala gara di cià cià cià e roc en rol par “VS” (Veci Sbarossai) tegnù a Tranbache City... ventisete ansiani dotai de bonbole de ossigeno se ga scaenà nele note danze, in un screcolamento de ossi che conferiva festosità ala manifestassion (infati pareva de èssare in mèzo a un bosco fodrà de racolete logoroiche)... Sete ga avù un micidiale infarto dopo diese minuti de balo, diese se ga spacà i fenori dopo venti minuti, tre ga sbregà le braghesse e do se ga intrajà intel catetere e sono caisti in tera di rabaltone recitando preghiere roverse. I sopravissuti se ga dà guera aperta e proprio Gilmo ala fine ga vinto el favoloso primo premio: na dentiera nova, un catetere firmà dal mitico Cavali, e un buono sconto par l’aquisto de na robustissima cassa da morto in mogano co inserti in similoro.


MAILING LISTS - Iscriviti alle mailing lists di Edizioni Scantabauchi:     Oltre le nuvole     Scantabauchi
Inizio pagina