umorismo libri biblioteche librerie barzellette bronse querte comici risoterapia comicoterapia tradizione lingua veneta
Editrice Scantabauchi
edizioni scantabauchi

LE RIFLESSIONI DE WALTER BASSO...


Riflessioni del 14/02/2006

LA VECIA E EL MEDEGO de Esopasso (Esoppo +Basso)
Ghe gera na volta (tute cussì le taca le storiete par i putini) na veciassa che gaveva na malatia. E aver na malatia vol dire èssare malà. Ma che casso de malatia gavevela sta veliarda?... La veliarda gera stà colpià da na gravissima forma de moroidi (?) inte i oci e quindi no la vedeva un’ostia, co rispeto parlando. E alora, visto che la gaveva na bona pension grassie al Berlusca, la ga pensà de ciamare un culista (avendo le moroidi ai oci!) che la gavarìa pagà ala fine dela cura. Sto mèdego, che da zóvane gera iscrito al PSI, ogni dì rivava casa sua, ghe meteva dela smalteca sui oci e fin che la veciota tegneva i oci sarà ghe inculatava una a una le poche robe che la pora cagna gaveva in casa.... Un giorno rivò Capuceto Rosso che disse: - Nona che ochi onti che gai - - Ciò Capuceto Rosso, sito sema de nassita o ghe marcito?... No te vedi che sò drio curarme co na smalteca miracolosa! Ma sito vegnua qua a portarme da magnare o a fare domande èbeti???? - E cussì Capuceto Rosso ga mandà in mona la nona e, dopo averghe inarcà na peà sui ovi al lupo cativo che voleva ofrirghe a modico presso un canon, el ze ‘ndà a catare in ospedale la Fata Turchina che nove mesi dopo na orgia casa sua de Biancaneve e i Sete Nani gaveva partorìo na sgnarà de Pufi e un Pufo albin: Pupo... Ma tornemo in tema: dopo tre mesi, apena che in casa dela veciassa no ghe gera più gnente da ciavare, el médego decide che la cura ze finìa e domanda i schei di sua aspetansa... Al che la vecia, fa na scoresa co la boca, bate la man sinistra sula zonta del brasso destro piegà a 90% (come se mete de solito Aldo Busi) e dise: “Col casso che te pago...Tiè!!! – El mèdego se intavana fisso e denuncia la càncara e insolvente ansiana.... Dopo le indagini preliminari fate dal Riss, riva el processo e la vecia cussì risponde ale acuse: - Mi veramente gavevo dito che gavarìa pagà sto dotore de mona pena che gavarìa recuperà la vista, ma, orca troia, prima dela cura vedevo drento casa tante tece e pignate, e desso, pur vardandome torno atentamente, no vedo più un casso o mejo na tega-bacelo. Razon pr cui la quale no pago gnanca se me scavessè el filo de schina. Vaca putana troia!!! - Alora el Tribunale ga dimandà la perissia pissichiatrica sul mèdego che ze risultà “incapace de intandere e volere ma capacissimo de metérghelo sul’organo ale veciote scarse de vista”. E cussì la veciota ze stà assolta e el médego condanà par “pinciamento inconsulto de ratatuja domestica nel fatispecie de do pignate, tre farsure, un taliero de diametro 50 sentimetriquadri (?), sie pironi in finto argento, de fete de polenta, un parecio da dòdese de stecadenti in purissimo róvare e un catetere de marca firmà da Cavali”...
Morale dela fagoleta: i vecioti ze sicuramente dei ronpibae, ma serti mèdeghi ze pèzo: aseni, boni da gnente e inbrojoni... co la quale vi saludo tuti.... grandi e picini.

PUBRICITA' SENPIA
Par pubricisare le patate desso ghe ze in television un serto Roco Siffredi deto Stratega che de lavoro fa el pinciadores e tenpo pieno... Questo, col sacheto dele patate in man, aferma solenemente che "la patata tira" e che lu lo sa parché le ga provae tute... Sugerisso de ciamare Aldo Busi a publicizare i culi dei carciofi... par via de culi el se intende visto che chissà quanti ghe ne ga provà!!!


MAILING LISTS - Iscriviti alle mailing lists di Edizioni Scantabauchi:     Oltre le nuvole     Scantabauchi
Inizio pagina