umorismo libri biblioteche librerie barzellette bronse querte comici risoterapia comicoterapia tradizione lingua veneta
Editrice Scantabauchi
edizioni scantabauchi

LE NOVITA'


INSULTARIO VENETO - ITALIANO CLASSICO E MODERNO - (20/11/2015)
Insulti classici e creativi, parolacce, minacce di botte e peggio, auguri maleducati, frasi ironiche, filastrocche onte, barzellette, racconto mone e tanto altro in 200 pagine di sorrisi e risate. Finalmente a disposizione di tutti LA LINGUA VENETA DELE OSTARIE E DELE BOARIE!!! Ordina subito, can bestia!!!

TATUAGI & PIRSING - (14/04/2015)
Va volta quando gerimo più poareti de desso (?) e anca più agricoli, gera de gran moda tra i siorati avere la pele bianca come quea de un morto tubercoloso che faseva tanto nobile e parmeteva de distìnguarse dai soponi-agricoli che forsa de stare in costiera del sole par vangare, sapare e trebiare gera abronsai forte e quindi gaveva la pele maron. Desso ze canbià tuto: solo i cadàvari ze palidi mentre siori e poareti invesse ze tuti maron scuro cofà stronsi e come se no bastasse i ga la pele umana tuta spigassà e i ze fodrai de bùcole, s-cione, recini, vide, ciodi, ciodeti, ciodini, aghi de sicuressa, spili, rondee picà su rece, canapie, lengue, bunìgoli e ogni anca posto indove se poe sbusare e picare calcossa. I più creativi (par no dire mone) se pica sti sacramenti anca sula ponta del cicio, sule balote e le done anca par drento la pistagna. Tornando ai spigassi diti “tatuagi” le tose se fa disegnare pajie (farfale), fioreti, sarpenti e el nome del moroso. Le più bovine (gentile eufemismo par no dire “vache”) che canbia moroso ogni do dì sula pele, co le gavarà setanta barete, le podarà dire de averse scrito indosso i nomi de mesa popolassion nassionale. In più le grassiose pajie che se ga fato disegnare sule tetine, visto che queste, complice la forsa de gravità e el smolaciamento acuto, col passare dei ani no se misurarà più in circonferensa ma in lunghessa sarà deventà avoltoj dea Savata Vergine. I tosi invesse se fà scrivare frasi roboanti tipo: “Tireremo drito fino ala prima curva!”, “Boja chi mola!” o scrite in cinese che nissun capisse e magari vol dire “Testa da casso!” o “Sono un collione”… E po’ femene nude, draghi che supia fogo e cussì via de longo!... Insoma na volta se inpiturava, tatuava e inpirava picàndoli i pirati, i galeoti e i zulù. Desso se inpitura, tatua e se pica picàndoli tuti i più mejo conpresi ingegneri, i geometri, i ragionieri e ogni omo e dona dai disdoto ani in su. Conpreso el fiolo de Mano Bandio che ga na testa che no la magna gnanca el porseo de Gnagno Fasolo che ze più ingordo de un deputato italian. I zulù, i carcerati e i pirati invesse va in giro neti e vestii da messa cantà. Mah… “El mondo se gà roversà!” come ga dito Enio Tega dopo che Bepi Cornoea che vansava un milion lo gaveva picà par i pie come un salado in staea del porseo!


TATUAGI & PIRSING - (14/04/2015)
Va volta quando gerimo più poareti de desso (?) e anca più agricoli, gera de gran moda tra i siorati avere la pele bianca come quea de un morto tubercoloso che faseva tanto nobile e parmeteva de distìnguarse dai soponi-agricoli che forsa de stare in costiera del sole par vangare, sapare e trebiare gera abronsai forte e quindi gaveva la pele maron. Desso ze canbià tuto: solo i cadàvari ze palidi mentre siori e poareti invesse ze tuti maron scuro cofà stronsi e come se no bastasse i ga la pele umana tuta spigassà e i ze fodrai de bùcole, s-cione, recini, vide, ciodi, ciodeti, ciodini, aghi de sicuressa, spili, rondee picà su rece, canapie, lengue, bunìgoli e ogni anca posto indove se poe sbusare e picare calcossa. I più creativi (par no dire mone) se pica sti sacramenti anca sula ponta del cicio, sule balote e le done anca par drento la pistagna. Tornando ai spigassi diti “tatuagi” le tose se fa disegnare pajie (farfale), fioreti, sarpenti e el nome del moroso. Le più bovine (gentile eufemismo par no dire “vache”) che canbia moroso ogni do dì sula pele, co le gavarà setanta barete, le podarà dire de averse scrito indosso i nomi de mesa popolassion nassionale. In più le grassiose pajie che se ga fato disegnare sule tetine, visto che queste, complice la forsa de gravità e el smolaciamento acuto, col passare dei ani no se misurarà più in circonferensa ma in lunghessa sarà deventà avoltoj dea Savata Vergine. I tosi invesse se fà scrivare frasi roboanti tipo: “Tireremo drito fino ala prima curva!”, “Boja chi mola!” o scrite in cinese che nissun capisse e magari vol dire “Testa da casso!” o “Sono un collione”… E po’ femene nude, draghi che supia fogo e cussì via de longo!... Insoma na volta se inpiturava, tatuava e inpirava picàndoli i pirati, i galeoti e i zulù. Desso se inpitura, tatua e se pica picàndoli tuti i più mejo conpresi ingegneri, i geometri, i ragionieri e ogni omo e dona dai disdoto ani in su. Conpreso el fiolo de Mano Bandio che ga na testa che no la magna gnanca el porseo de Gnagno Fasolo che ze più ingordo de un deputato italian. I zulù, i carcerati e i pirati invesse va in giro neti e vestii da messa cantà. Mah… “El mondo se gà roversà!” come ga dito Enio Tega dopo che Bepi Cornoea che vansava un milion lo gaveva picà par i pie come un salado in staea del porseo!


NUOVO LIBRO DI WALTER BASSO: "I DUE VOLTI DELLA MORTE NERA" - (26/10/2012)
Walter ha vissuto fino a quasi i sei anni in Belgio dove il padre e lo zio lavoravano nel fondo (oltre i 1000 m. di profondità) di due diverse miniere. Il padre morirà poi di silicosi e lo zio sepolto vivo nel 57. Il libro racconta le loro vite ma anche la storia dell'emigrazione italiana in Belgio, la vita, il lavoro, le stragi (non solo Marcinelle) con articoli d'epoca, foto, documenti e interviste a sopravissuti... 320 pagine per non dimenticare i nostri caduti per colpa di due stati menefreghisti: Italia e Belgio. E' un libro denuncia.

ECCO LA NUOVA USCITA!!!
Un libro scritto molto bene in vicentino arcaico pe ricordare la vita (non solo la guerra) del nonno Alpino... Una narrazione scorrevole, coinvolgente senza fronzoli ma con tante foto e documenti d'epoca... Da leggere perché racconta una vita vera vissuta intensamente!

ORORE, S-CIAFESA 'WALTER BASSO
Robe da no credare: el notissimo e puliedrico (?) autore veneto (che po’ sarìa mi) nel’adenpimento del proprio dovere de atore de sigo par la notissima trasmission STRISCIA LA NOTIZIA ze stà s-cifesà intel muso e butà in tera da un individuo irascibile e spissengo che de norma stà inpiocà drento un sgabiosso onde véndare i bilieti par el vaporeto ai valorosi turisti che va de baucon de qua e le là par la romantica sità dita Venessia… Ma come ze sucesso el grave fato de sangue? Ze presto dito: qualchedun ga segnalà al sior Moreno Morello che inte na bilieteria dale bande de San Marco qualche impiegato se sbaliava co costansa bovina a dare indrio el resto ai facoltosi turisti; fatalità voe che sti impiegati se sbaliasse senpre a so favore e mai, digo mai, a favore del’ignaro turista. Beh, dopo aver par giorni controlà la facenda notando (e registrando) che efetivamente i erori gera copiosi e continui ze sta decisa l’incursion durante el lavoro de uno che sbaliava fisso. El sotocristo cioè me medesimo se ga presentà a cronpare un bilieto da 6,50 euri e ga pagà co na scarselà de moneda circondà dai laboriosi operatori che, incalcà de telecamere più o manco sconte, riprendeva gioiosi la sena.… No lo gavesse mai fato!!! El sior bilietaro, un ometo pichenin co la suca pelà, se ga intavanà fisso, prima me ga dà del “mongolo” e po’ del “mona”, po’ ze saltà fora cofà un cavareto dal sgabiosso e me ga trato in tera… Ze rivà Moreno che se ga intavanà cofà na bissa la quale i ghe ga pestà la coa e grassie ala so dialetica ga messo al so posto el manesco individuo. Risultato: mi me sò gratà le pache ma l’ometo co la suca pelà, se ga catà inte un spolvaron mediatico terificante; sospeso dal laoro, fato vedere su Striscia do volte, su Studio aperto, sul tigì de Canale 5 e su tuti i giornali più o manco locali… Na popolarità che no ve digo sia par mi che par lu: par mi senplicemte par aver ciapa na papavara sul muso, par lu par aver infiochetà na marea de persone. E na figurassa de “feci” par le istitussion venessiane nei riguardi dei turisti che su sta bea sità lassa tanti soldini, anca se de sicuro miga tuti ze come l’ometo dala suca peà: de sicuro ghe ze tanti venessiani onesti e educati che se vergogna del conportamenti de sti slandroni. Finisso co na picola riflession:se voì diventare famosi basta che ve fasì petufare soto l’ocio dele telecamere. Par un mese almanco in giro par le strade ve riconossarà mezo mondo. Parola mia!!!


 
MAILING LISTS - Iscriviti alle mailing lists di Edizioni Scantabauchi:     Oltre le nuvole     Scantabauchi
Inizio pagina